Come Diventare un Indossatore

Il modello lavora prevalentemente nel campo della pubblicità. Presta la propria immagine per la presentazione di un capo di abbigliamento, di un cosmetico o di un qualsiasi prodotto da pubblicizzare, tramite la realizzazione di servizi fotografici o per mezzo di brevi spot televisivi.

A differenza dell’indossatore non ha l’obbligo di rispondere a rigidi canoni estetici. Generalmente si distinguono due diverse tipologie di modello
-per l’alta moda
-commerciale.

I primi vengono fotografati artisticamente, in linea con il prodotto da promuovere, prestando il proprio volto e il corpo per esprimere le emozioni richieste dal fotografo. Il ruolo del modello commerciale è meno prestigioso: si dedica, di fatto, a prestare la propria immagine per cataloghi di prodotti vari, tra cui i cosmetici.

L’indossatore ha il compito di mostrare un abito o un accessorio nel corso di sfilate in passerella o in occasione di fiere, saloni ed esposizioni. Deve rispondere a requisiti fisici e canoni estetici predefiniti; deve, inoltre, sapersi muovere con scioltezza e personalità.
Per intraprendere la carriera di modello o indossatore, è preferibile stabilire la propria residenza in città italiane ed europee, in cui il settore della moda ha collocato le sue industrie più prestigiose e dove si svolgono le più importanti sfilate (Milano, Firenze, Roma, Parigi, Londra) oltre naturalmente a New York.

L’offerta formativa presente sul mercato è quasi esclusivamente privata e spesso risulta difficile valutare la serietà di una scuola. E’ consigliabile, quindi, informarsi sui corsi esistenti nel proprio territorio di residenza e recarsi di persona presso le varie sedi per verificare l’idoneità delle strutture e accertarsi che la scuola prescelta sia attiva da più anni.
Per avere informazioni su eventuali corsi finanziati dagli enti pubblici (province e regioni), si consiglia di rivolgersi agli Informagiovani locali.
La maggiore concentrazione di scuole di fama nazionale, che propongono corsi di portamento per modelli – fotomodelli – indossatori, si trova a Roma e a Milano.

Le agenzie per modelli/e e indossatori/trici si accentrano laddove la moda ha di fatto sede: Milano, Parigi, Londra, New York. Per questo motivo è importante vivere in una di queste città, altrimenti ci si può trovare in serie difficoltà nell’affrontare il normale susseguirsi di casting, selezioni e provini che, a inizio carriera, possono rappresentare un impegno quotidiano. Si ricorda che i casting non sono mai retribuiti e, spesso, possono durare molte ore.
Per lavorare con un’agenzia è necessario ottenere un colloquio con un agente, detto brooker, che ha il compito di valutare se l’aspirante modello/indossatore ha i requisiti fisici e professionali necessari per intraprendere questo genere di lavoro. Per quanto riguarda i requisiti fisici, gli standard ricercati sono i seguenti
-altezza minima non inferiore a m. 1,70 per le donne e a m. 1,80 per gli uomini;
-taglia massima 42 per le donne e 50 per gli uomini;
-età compresa tra i 14 e i 25 anni.

Risulta essere indispensabile documentare i lavori eseguiti e presentare la propria immagine, attraverso quello che viene definito il book. Il book fotografico è una raccolta di credibili simulazioni di lavori fotografici, che testimoniano il proprio essere fotogenico e la capacità di rappresentare varie tipologie di uomini o donne. Queste immagini sono un vero e proprio biglietto da visita, con il quale il modello, attraverso l’agenzia che lo rappresenta, può prendere i primi contatti con la potenziale clientela. Il composit, cartoncino o pieghevole, recante alcune immagini del modello/indossatore e i dati salienti della sua figura, è di norma realizzato insieme al book.
Il costo di realizzazione del book fotografico può variare molto in relazione a diversi fattori. Mediamente, per un servizio fotografico ci si può aspettare di spendere da € 200 a € 800. Spesso è l’agenzia stessa che anticipa il pagamento di queste spese, addebitandole in seguito sui primi lavori. Si consiglia di diffidare di agenzie che obbligano l’aspirante modello a pagare tasse d’iscrizioni o richiedono in anticipo denaro per la realizzazione del book, soprattutto se queste cifre sono superiori a € 1.000.

Il guadagno di un modello professionista varia in base a molti fattori, primo fra tutti la percentuale dell’agenzia per cui lavora, che in media corrisponde al 20% del compenso totale.


Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *