Come Fare Ricorso Contro una Multa

Le multe sono le sanzioni previste nel caso di violazione del Codice della strada, e come tali in linea di massima sono inappellabili.

Tuttavia, nel caso siate convinti di aver ricevuto una contravvenzione ingiusta, o che questa presenti errori formali, potete tentare di far valere le vostre ragioni appellandovi con un ricorso presso il Prefetto o il Giudice di Pace (o entrambi).

In entrambi i casi non è necessaria l’assistenza di un avvocato.

Ricorso presso il Prefetto.
Se nella contestazione ricevuta ravvisate un vizio formale (es. il verbale di accertamento presenta un errore relativo ai dati anagrafici dell’intestatario o del veicolo, oppure è stato notificato oltre i 90 giorni previsti dalla legge), è meglio rivolgersi al Prefetto.

Il ricorso al Prefetto, deve essere effettuato entro 60 giorni dall’avvenuta notifica presso il comando di polizia municipale oppure direttamente alla Prefettura del capoluogo di provincia dove è avvenuta l’infrazione (v. modulo di ricorso).

La domanda va presentata in carta semplice (senza oneri, a mano o mezzo raccomandata a/r), allegando copia del verbale di accertamento e tutta la documentazione necessaria per sostenere le proprie ragioni (fotografie, atto di vendita del veicolo non più di vostra proprietà, scontrini autostradali o di parcheggio che dimostrano la vostra presenza in luogo diverso rispetto a quello dichiarato sul verbale di notifica, etc…).

E’ anche possibile richiedere esplicitamente di essere ascoltati, al momento della valutazione, al fine di esporre le proprie ragioni.

E’ importante sapere che la semplice presentazione del ricorso non sospende il pagamento della contravvenzione: è quindi necessario richiedere in modo specifico la sospensione del provvedimento fino all’esito del ricorso.
Il Prefetto si limita a valutare il ricorso dal punto di vista della validità formale: se viene riconosciuta la presenza di un errore nella redazione del verbale, il ricorso viene accolto, invalidando pertanto la contravvenzione.

Se il ricorso viene respinto, il Prefetto entro 120 giorni emette un’ordinanza di pagamento (che deve essere notificata entro 150 giorni, pena la sua invalidità), che è almeno il doppio della multa contestata. Contro tale ordinanza è possibile presentare (entro 30 giorni dalla notifica) ulteriore ricorso presso il giudice di pace.

Il ricorso è da ritenersi accolto se non è stata adottata nessuna ordinanza entro 210 giorni (se presentato al prefetto) o 180 giorni (se presentato presso la polizia municipale).

Ricorso presso il Giudice di Pace.
Parlando di costi, appellarsi al Giudice di Pace costa 37 euro (tale onere è stato introdotto a partire dal 1 gennaio 2010 al fine di disincentivare i ricorsi, dal momento che questa era la via più perseguita, anche per multe di lieve entità). Oltre a questo costo, si deve tener conto anche della perdita di tempo e delle eventuali spese di viaggio (se l’ufficio presso cui si è fatto ricorso è in altra città), dato che è necessario essere presenti all’udienza.

A differenza del Prefetto, il Giudice di Pace può ridurre l’importo della multa, ed eseguire una valutazione del merito della contravvenzione, e non solo il vizio formale.

Il ricorso deve essere effettuato presso l’ufficio del Giudice di Pace competente territorialmente, in relazione al luogo in cui è stata commessa la violazione contestata. La domanda va presentata entro 60 giorni dalla notifica del verbale, a mano o per posta, allegando copia del verbale e tutta la documentazione ritenuta utile.

Se il Giudice di Pace rigetta il ricorso, la sentenza è ulteriormente appellabile in tribunale, ma a questo punto sarà indispensabile rivolgersi ad un avvocato.


Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *